PROGRAMMA

2019

Venerdì 9 Agosto

 

ore 17:00 Quercione di Santa Maria

“TIRSENO, traversate narrative” spettacolo teatrale di e con Ilaria Danti e i Suonatori della leggera

A seguire Quadriglie sotto la “Cerqua” con i Suonatori della leggera, Michele Cavenago e Romana Barbui (Lo stivale che balla)

 

ore 21:00APERTURA DELLA FESTA con Santa Flurijì in processione e la Parata dei suonatori delle formazioni musicali ospiti:

Alexian Group – viaggio musicale nella cultura Rom

Eco tra i torrioni “La cumpagnia candande” – musica a ballo e canti d’amore e di questua da Cellino Attanasio

Bandaradan – da Torino, piccola orchestra dai ritmi zoppi, giocolieri di pentagrammi, funamboli della nota puntata, corteggiatori dell’apparato uditivo

Ozhidanie – da Bologna con un repertorio di musica popolare-urbana ispirato principalmente alla tradizione est-europea e mediterranea

Deramaenrama – viaggio nella tradizione musicale del Sud America attraverso i suoi ritmi e le sue culture: Perù, Argentina, Cile, Bolivia e Ecuador

The Auld Reekie String Band – dalla Scozia con ritmi folk old time

Archam – dall’Emilia, musica balfolk dall’Italia all’Europa e oltre

A Paranza do tramontana – musica popolare di Tramonti con la tammuriata  dell’avvocata

Banda Ciotti di Befaro – tradizioni musicali dell’alta valle del Fino e del Mavone

Gruppo folk Bisenti – canti e suoni dalla Val Fino

The Folk Band – musiche dalla Val Vomano

A Paranza ro’ Lione di Scafati – suoni, canti, balli e rituali della tradizione vesuviana

Gabriele e i suonatori di Arsita – tradizioni musicali dell’alta Val Fino

Suonatori della leggera – formazione in equilibrio instabile dalla tradizione musicala toscana 


 

Sabato 10 Agosto

 

ore 15:00Quercione di Santa Maria

“Musiche e storie dell’America Latina” con Ayni Trio: attraverso la voce di Lucia, l’accompagnamento di Guido e il virtuosismo chitarristico di Carlos

 

ore 17:00Piazzetta del Museo del lupo

“VIVERE TRA I CALANCHI, progetto sulla cultura contadina nella Riserva dei Calanchi di Atri” intervengono Adriano de Ascentis, Marco Magistrali e Filippo Marranci

A seguire incontro con “Il ballo e le danze in Valle Piomba”

 

ore 18:00Piazzetta del Museo del lupo

“Saltarella in Valfino e nei Monti della Laga a confronto” a cura di Noretta Nori, Michele Cavenago (Lo stivale che balla)e Marco Magistrali, con la collaborazione dei ballerini e dei suonatori tradizionali di Arsita e della Laga

 

ore 21:00APERTURA DELLA FESTA con il teatro Pane & Mate in processione e la Parata dei suonatori delle formazioni musicali ospiti:

Trasposizioni Acustiche nell’Arpa di Viggiano – viaggio acustico ancestrale nell’immaginario musicale lucano

Les Touches Louches – percorsi musicali afferenti alle musiche popolari e alle tradizioni musicali: dal klezmer, al tango, alle musiche dei Balcani

Bandaradan – da Torino, piccola orchestra dai ritmi zoppi, giocolieri di pentagrammi, funamboli della nota puntata, corteggiatori dell’apparato uditivo

Ozhidanie – da Bologna con un repertorio di musica popolare-urbana ispirato principalmente alla tradizione est-europea e mediterranea

Deramaenrama – viaggio nella tradizione musicale del Sud America attraverso i suoi ritmi e le sue culture: Perù, Argentina, Cile, Bolivia e Ecuador

Σπαντεκα (Spantecà) – gruppo di rebetiko, filo rosso immaginario tra Napoli e Pireo, due popoli di mare con la stessa “pancia”

The Auld Reekie String Band – dalla Scozia con ritmi folk old time

A Paranza do tramontana – musica popolare di Tramonti con la tammuriata  dell’avvocata

Li Sandandonijre – da Penna Sant’Andrea, gruppo di musica popolare attento custode della tradizione del canto di questua del Sant’Antonio Abate

La banda dei briganti – canti e balli da Silvi con la famiglia D’Agostino

Alexian Group – viaggio musicale nella cultura Rom

Archam – dall’Emilia, musica balfolk dall’Italia all’Europa e oltre

A Paranza ro’ Lione di Scafati – suoni, canti, balli e rituali della tradizione vesuviana

Le Vie del canto – musica e tradizioni della Liguria. “A lavorar gh’andem“… i canti di lavoro dal Nord al Sud

Suonatori della leggera – formazione in equilibrio instabile dalla tradizione musicala toscana

Il carro dei Bacucchi e Le Muse – “La storie d’ l’amore“, regia a cura di Marina di Carluccio e Enza d’Angelo


 

Domenica 11 Agosto

 

ore 15:00al Forno Vecchio

“Alla scoperta del Rebetiko” laboratorio teorico-pratico (aperto a tutti) con il gruppo Σπαντεκα (Spantecà), viaggio nella musica popolare greca

 

ore 16:30al Forno Vecchio

“MAJA, storie di donne dalla Majella al Gran Sasso” spettacolo teatrale di e con Francesca Camilla D’Amico

 

ore 17:30al Forno Vecchio

“Di mano in mano… Valfino al pane” :

  • Ascolto di Canti delle donne di Arsita per la mondatura e per la mietitura del grano, dalla ricerca di Marco Magistrali;
  • Conversazione e panificazione con Ileana Pavone (Ribes & Cannella), Marcello Icaro (Forni di Arsita), Luisa e Massimo (Azienda Agricola Carpa la Terra, Garrano Alto) e Domenico di Giovanni (Mulino del Colle di Atri)

In concomitanza mostra fotografica “Di mano in mano di Ileana Pavone

 

ore 21:00APERTURA DELLA FESTA con il teatro Pane & Mate in processione e la Parata dei suonatori delle formazioni musicali ospiti:

Li Ciarvarì – canti e suoni dalla Valle del Vomano

Trasposizioni Acustiche nell’Arpa di Viggiano – viaggio acustico ancestrale nell’immaginario musicale lucano

Les Touches Louches – percorsi musicali afferenti alle musiche popolari e alle tradizioni musicali: dal klezmer, al tango, alle musiche dei Balcani

Bandaradan – da Torino, piccola orchestra dai ritmi zoppi, giocolieri di pentagrammi, funamboli della nota puntata, corteggiatori dell’apparato uditivo

Skunchiuruti band – suonate a ballo e canti tradizionali dell’Aspromonte merdionale, Cataforio

Ozhidanie – da Bologna con un repertorio di musica popolare-urbana ispirato principalmente alla tradizione est-europea e mediterranea

Deramaenrama – viaggio nella tradizione musicale del Sud America attraverso i suoi ritmi e le sue culture: Perù, Argentina, Cile, Bolivia e Ecuador

Archam – dall’Emilia, musica balfolk dall’Italia all’Europa e oltre

A Paranza ro’ Lione di Scafati – suoni, canti, balli e rituali della tradizione vesuviana

The Auld Reekie String Band – dalla Scozia con ritmi folk old time

Alexian Group – viaggio musicale nella cultura Rom

I Vivo Folk – musiche dall’alta Valle del Vomano

VitivinicolaItaloAbruzzese – viaggio musicale a ritmo di saltarello dalla Valle dell’Aterno

Chillë chë sonë e cantë – viaggio nella musica popolare dell’alta Valle del Vomano

A randerchitte – musica popolare dalla Valle Truentina, terra di confine tra le Marche e l’Abruzzo

Σπαντεκα (Spanteca) – gruppo di rebetiko, filo rosso immaginario tra Napoli e Pireo, due popoli di mare con la stessa “pancia”

Il carro dei Bacucchi e Le Muse – “La storie d’ l’amore“, regia a cura di Marina di Carluccio e Enza d’Angelo

 

  

Durante i pomeriggi dei giorni 9, 10 e 11 Agosto, il Teatro  Pane & Mate di Gianni Parodi e Salvatore Fiorini terrà due laboratori, il Laboratorio di costruzione di stendardi e bandiere giganti e il Laboratorio di costruzione di gigantes

Saranno inoltre visitabili, la Bottega di Liuteria di Francesco Sabatini e Francesco Duranti e il Laboratorio di costruzione di tamburelli e di strumenti musicali di Enzo di Silverio

Nei tre giorni di festival la Sezione CAI di Arsita terrà aperto il Museo del  Lupo fino alle ore 23:00


 

Il centro storico del paese è a disposizione per i gruppi musicali invitati e presenti nel programma, ma è vietato a gran casse, tamburi e rullanti (ad eccezione di indicazioni diverse da parte della direzione artistica).  

I gruppi spontanei che desiderano partecipare alla festa sono pregati di contattare preventivamente la direzione artistica della manifestazione (tel. 339.5848016)

 

Direzione artistica: Associazione Altofino

Addetta stampa: Evelina Frisa (giornalista)

 


 

IN CONCOMITANZA CON “VALFINO AL CANTO” SI SVOLGE LA SAGRA DEL “COATTO”

Antico piatto pastorale a base di carne di pecora bollita con particolari spezie

 
Chiudi il menu